NEWS
    News settimanali
    Gli assicurativi in     borsa
    Nuovi prodotti
     Aziende

  SICUREZZA E     PREVENZIONE     Dati statistici
    Giurisprudenza
    Quesiti
    Notizie
    Dossier-Documenti

  LEGISLAZIONE
    Leggi
    Sentenze
    Circolari

  TUTELA DEL     CONSUMATORE
    Occhio alla truffa
    Reclami
    Ass. dei consumatori
    Modulistica

  TARIFFE

  LE COMPAGNIE

  NUMERI VERDI

  JOB

  DOSSIER
    RICERCHE


  FORUM
  

FAQ


L'Assicurazione è obbligata ad informarmi se ha intenzione di aumentarmi la polizza RCA?
Secondo quanto stabilito dalla circolare ISVAP n° 235 del gennaio 1995, la Compagnia di assicurazione ha l'obbligo di avvertire per iscritto il cliente quando l'aumento superi il tasso di inflazione programmato (per il 2001 l'1,7%). Non possono inoltre essere inviate all'assicurato comunicazioni successive che riportino di volta in volta frazioni di incremento di premio della polizza. La lettera deve essere una sola con la percentuale di aumento definitiva su base annua.

Come posso evitare di perdere la classe di merito maturata se per un periodo non ho necessità di assicurare l'auto?
Per evitare di perdere la classe di bonus/malus è necessario, prima della scadenza, sospendere il contratto. La sospensione può avere durata massima di un anno. E' comunque possibile risospendere il contratto, dopo una breve riattivazione e così di seguito, alternando sospensioni a riattivazioni.

Come bisogna comportarsi se la polizza RCAuto che ho rinnovato è stata aumentata ma non ha ricevuto nessun preavviso dell'aumento entro i 60 giorni previsti?
Consigliamo di pagare, per tutelarsi ed evitare di rimanere privi di copertura assicurativa, ma immediatamente di inviare all'assicuratore una raccomandata A/R, contestando la mancata comunicazione dell'aumento (obbligatorio per legge) nei termini previsti dal Decreto legislativo n° 175/1995 e chiedere il rimborso, entro 15 giorni, della cifra pagata in eccesso. Se l'assicuratore non adempie, la mossa successiva è quella di scrivere all'ISVAP (Via del Quirinale 21, 00187 Roma). L'Istituto di vigilanza dovrebbe intervenire sollecitando la restituzione del rincaro illegittimo e multando la Compagnia con una sanzione da 3 a 9 milioni di lire. In subordine è possibile ricorre al giudice di pace, presentando un'istanza che, per un valore fino a 2 milioni non comporta spese e non richiede l'assistenza obbligatoria di un legale.

Come possono le polizze RCA on line essere scontate anche fino al 40%?
Le Compagnie che vendono polizze RCA tramite il canale telefonico ed internet riescono a realizzare sconti maggiori rispetto alle Assicurazioni tradizionali grazie ad una forte personalizzazione della tariffa sul cliente, tali sconti vengono praticati soprattutto a quegli automobilisti che sono meno esposti ai rischi della circolazione (meno chilometri percorsi, attività professionali che non comportano l'uso dell'auto) e che si dimostrano dei buoni guidatori con esperienza, si trovano quindi in classi di bonus/malus basse.
Inoltre un parte dello sconto è dovuta anche alla riduzione dei costi amministrativi, gestionali e di intermediazione che comporta l'utilizzo di strumenti telematici.

Debbo fidarmi delle Assicurazioni o Broker che offrono polizze tramite internet?
Prima di stipulare un contratto tramite internet è opportuno verificare se la Compagnia o il Broker siano autorizzati ad operare sul mercato italiano. Tale informazione dovrebbe essere contenuta direttamente nell'homepage del sito con l'indicazione del numero di autorizzazione ISVAP (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni). Nel dubbio è opportuno verificare l'elenco delle Compagnie autorizzate presente nel sito internet www.isvap.it e richiamato anche nel nostro sito.

Quando la mia polizza stipulata su internet ha validità?
La polizza ha validità secondo quanto indicato nel contratto nella sezione decorrenza. Per essere sicuri della validità del contratto è necessario ricevere copia originale del contratto, di cui una copia va restituita firmata all'Assicurazione, e copia originale del contrassegno.

Che documenti servono per stipulare una polizza auto?
Essenzialmente serve l'attestato di rischio, cioè quel documento che certifica il numero di sinistri che l'assicurato ha avuto nell'ultimo anno e in quelli precedenti e quindi indica la classe di bonus/malus assegnata all'assicurato. Alcune Compagnie richiedono anche una fotocopia del libretto di circolazione.

A chi va richiesto l'attestato di rischio?
L'attestato di rischio deve essere richiesto alla Compagnia di assicurazione con la quale si ha in essere un contratto RCA.

La Compagnia di assicurazione è obbligata a fornirmi su mia richiesta l'attestato di rischio?
Si, la Compagnia deve mettere a disposizione l'attestato di rischio entro il termine massimo di 3 giorni lavorativi prima della scadenza della polizza (DPR 45/81, Legge 39/77 e modifiche D.Leg. 175/95).

Se per la prima volta stipulo una polizza chi mi fornisce l'attestato di rischio?
A chi stipula per la prima volta una polizza RCA non viene richiesto l'attestato di rischio, verrà automaticamente assegnata la "classe bonus/malus d'ingresso" prevista dalla Compagnia con cui si sta stipulando la polizza (di solito la 14a classe).

Come faccio a disdire la mia vecchia polizza RCA se trovo sul mercato un'offerta più vantaggiosa?
Se il contratto della precedente polizza RCA prevede il tacito rinnovo, bisogna inviare entro il termine indicato nelle clausole (di solito un termine di preavviso che va dai 30 ai 90 giorni) una lettera raccomandata A/R contenete la comunicazione della disdetta.
Se invece non è previsto il tacito rinnovo non serve inviare nessuna comunicazione. Il contratto scadrà alla scadenza naturale.

Come mi debbo comportare per la disdetta di una polizza RCA che contenga la garanzia accessoria "infortuni del conducente"?
In questo caso se nella polizza RCA non è previsto il tacito rinnovo, per la garanzia accessoria "infortuni del conducente" debbo inviare entro il termine indicato nelle clausole (di solito un termine di preavviso che va dai 30 ai 90 giorni) una lettera raccomandata A/R contenete la comunicazione della disdetta.

Se vendo la mia auto per acquistarne una nuova come debbo comportarmi?
E' possibile trasferire l' assicurazione Responsabilità Civile Auto (RCA) su una nuova vettura, comunicando i nuovi dati relativi alla auto acquistata (targa, modello, valore, etc.).
La Compagnia emetterà un nuovo contratto che conterrà le caratteristiche del nuovo veicolo.

Posso cedere la mia polizza all'acquirente dell'auto?
Si. E' necessario comunicarne le sue generalità alla Compagnia e questa emetterà una polizza intestata all'acquirente. In questo modo si è esonerati dal pagamento dei premi successivi.

Posso sospendere la polizza RCA o trasferirla sul nuovo veicolo se la mia auto mi è stata rubata?
No. La polizza RCA di un veicolo rubato non può essere sospesa o trasferita prima della scadenza della polizza. Questo perché la legge prevede l'obbligo di assicurare i veicoli per i rischi legati alla circolazione.

Se l'auto non viene usata per un certo periodo è possibile sospendere la polizza RC auto senza perdere la classe di bonus/malus?
Si. Le Compagnie sono però molto restrittive su questa possibilità, generalmente, per effettuare la sospensione, si prevede che la polizza in corso abbia una durata residua di almeno tre mesi e che la sospensione non sia inferiore a tre mesi.

In caso di demolizione della mia auto posso richiedere il rimborso del premio non goduto?
Si, l'assicurato ha diritto ad ottenere il rimborso del premio (al netto delle imposte ), relativo al periodo di copertura non utilizzato.

La Compagnia di Assicurazione può rifiutarsi di stipulare una polizza RCA?
No. Dal momento che tale assicurazione è obbligatoria, la circolare ISVAP n° 378/98 ha stabilito l'obbligo per le Assicurazioni di stipulare polizze di polizze RCA per i veicoli e motoveicoli. Gli assicurati che si trovassero davanti ad un rifiuto da parte della Compagnia di stipulare la polizza RCA possono trovare una tutela nell'ISVAP stessa.

L'Assicurazione può applicare una classe bonus/malus superiore in conseguenza di un incidente in cui viene dimostrata la ragione dell'assicurato?
No, la Compagnia assicuratrice non può elevare la classe di merito ed eventuali somme del premio maggiorato percepite debbono essere restituite. Questo vale anche nel caso in cui l'Assicurazione abbia, in tutto o in parte, risarcito la Compagnia controparte per evitare una controversia legale che sarebbe potuta diventare antieconomica.

La mia polizza assicurativa RCA vale anche per l'estero?
Si, per quei Paesi dove prevista automaticamente la copertura in polizza, indicata sulla Carta Verde (certificato internazionale di assicurazione), che debbo richiedere alla mia Assicurazione prima di effettuare il viaggio.
Per gli Stati non aderenti al sistema Carta Verde (es. Stati Uniti, Canada), bisogna stipulare in loco un'apposita copertura assicurativa.
In tutte le polizze sono inoltre indicati i Paesi per i quali è già automaticamente estesa la copertura assicurativa, e pertanto non serve la Carta Verde.

Chi è obbligato a rispondere per i danni causati dalla circolazione di un veicolo?
Il conducente del veicolo, a meno che non riesca a provare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Inoltre il proprietario del veicolo, salvo non riesca a provare che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà (Cod. civ. art. 2054).

In caso di incidente il conducente è assicurato?
No, nel caso sia lui il responsabile del sinistro. A meno che il contratto non contenga una garanzia accessoria "Infortuni del guidatore", a copertura dei danni subiti dal conducente, che comportino un'invalidità permanente.
Si, se non è il responsabile del sinistro.

Se il conducente in stato di ebbrezza causa un incidente chi risarcisce i danni?
Le polizze RCA prevedono in genere che l'Assicurazione paghi il danno, ma che poi possa rivalersi (richiedere all'assicurato il rimborso della somma risarcita) sul responsabile. Alcune polizze prevedono la possibilità di limitare il diritto di rivalsa a una somma massima prestabilita.

In caso di incidente i passeggeri sono assicurati?
Si, le lesioni fisiche subite dai passeggeri dei veicoli coinvolti in un incidente sono sempre risarciti. Per quanto riguarda invece i danni materiali (oggetti, vestiti), sono risarciti solo quelli subiti dai passeggeri del veicolo non responsabile del sinistro.

Cosa debbo fare in caso di incidente con un veicolo straniero?
Se l'incidente con il veicolo straniero è avvenuto in Italia, occorre inviare richiesta di risarcimento tramite lettera raccomandata A/R, contenente dettagliata descrizione del sinistro, danni subiti, dati dei veicoli e conducenti, a UCI (Ufficio Centrale Italiano), Corso Venezia 8, 20122 Milano, che comunicherà al danneggiato il nominativo della Compagnia incaricata di liquidare il danno.
Se l'incidente è invece avvenuto all'estero, la richiesta di risarcimento deve essere inviata direttamente alla Compagnia del veicolo responsabile dell'incidente e all'Ente straniero equivalente del nostro UCI.

La polizza RCA ha una copertura economica minima in caso di sinistro?
Si, la legge n°. 990/69, prevede un massimale minimo di 1,5 miliardi di Lire. E' comunque possibile stipulare contratti con qualsiasi massimale di copertura, anche illimitato.

La polizza RCA può prevedere delle esclusioni dalla copertura in caso di sinistro?
Si, di solito per eventi che violano la legge.
Le esclusioni più diffuse sono:
guida con patente scaduta;
guida in stato di ebbrezza;
guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti;
guida di veicoli con pneumatici non omologati;
guida di veicoli con motori modificati;
guida di veicoli non sottoposti a revisione;
danni ai passeggeri se il loro numero è superiore a quello indicato nel libretto di circolazione.
E' opportuno quindi verificare, prima di sottoscrivere la polizza, quali esclusioni siano previste nel contratto.

Cos'è la procedura CID?
La procedura "Convenzione Indennizzo Diretto " (CID) consente all'assicurato che in tutto o in parte abbia ragione, di ottenere il risarcimento dei danni subiti, direttamente dalla propria Assicurazione.

Cos'è il Fondo di garanzia vittime della strada?
E un fondo, sostenuto da una percentuale dei premi assicurativi RCA versati che interviene, nei limiti dei massimali obbligatori, in caso di:
sinistri causati da veicoli non identificati, solo per i danni alle persone;
sinistri causati da veicoli non assicurati, per i danni alle persone e per i danni alle cose con franchigia di circa un milione di lire;
sinistri causati da veicoli assicurati con imprese poste in liquidazione coatta amministrativa. La richiesta di risarcimento n questo caso va inoltrata a CONSAP SPA - Servizio Fondo di garanzia per le vittime della strada, Largo Tartini 4, 00198 Roma.

Torna su




powered by copyright © 2000 Reporting R.P.